Ucraina, Zelensky: “Missili su 3 centrali nucleari”. Deposito di munizioni russo in fiamme

Russia
Russia

Mentre proseguono gli attacchi contro il sud e l’est dell’Ucraina e si fa più pesante la situazione nella regione separatista moldava della Transnistria, in Russia sono state udite diverse esplosioni ed è andato incendiato un deposito di munizioni.

Deposito di munizioni in fiamme in Russia

Il governatore Gladkov ha reso noto che “un deposito di munizioni è in fiamme vicino al villaggio di Staraya Nelidovka, nella regione russa di Belgorod“. Lo stesso ha riferito di aver contattato il capo dell’insediamento rurale di Golovinsky, Denis Zolotukhin, e ha precisato che non ci sono distruzioni di edifici residenziali o case né vittime tra la popolazione civile”.

Zelensky: “Missili su tre impianti nucleari”

Il leader ucraino Zelensky ha affermato che, nell’anniversario del disastro di Chernobyl, la Russia ha lanciato tre missili su tre centrali nucleari. “Quella catastrofe dovrebbe essere raccontata nelle scuole russe, dovrebbe essere ricordata in Russia ogni anno il 26 aprile, come si fa in tutto il mondo civile, e invece hanno lanciato tre missili contro l’Ucraina in modo da sorvolare direttamente i blocchi delle nostre centrali nucleari“, ha accusato. Si tratta in particolare degli impianti di Zaporizhia, Khmelnytsky e di quelli dell’Ucraina meridionale.

Germania, centro di coordinamento USA per invio di armi

Un alto funzionario della difesa statunitense ha riferito che il Dipartimento della Difesa americano ha istituito un centro di controllo per coordinare con gli alleati le spedizioni e “snellire la consegna” degli aiuti all’Ucraina a Stoccarda, in Germania, all’interno dell’area di responsabilità del comando europeo degli Stati Uniti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli