Ucraina, Zelensky: "Ripresi oltre mille chilometri di territorio"

(Adnkronos) - Le truppe ucraine hanno ripreso alla Russia più di mille chilometri quadrati di territorio dall'inizio di settembre. Ad annunciarlo è stato il presidente VolodYmyr Zelensky. "Nell'ambito delle operazioni di difesa in corso, i nostri eroi hanno già liberato decine di insediamenti", ha affermato nel discorso di ieri sera. "In totale, dal primo settembre sono stati liberati più di mille chilometri quadrati del nostro territorio", ha aggiunto. Zelensky aveva precedentemente confermato che le forze ucraine avevano riconquistato la città di Balakliya nella regione di Kharkiv.

Dal canto loro, le Forze Armate ucraine affermano di aver ucciso solo ieri altri 650 soldati russi. Il dato emerge dall'ultimo bollettino dello Stato Maggiore di Kiev diffuso su Facebook. I militari ucraini confermano anche che negli ultimi tre giorni sono riusciti ad avanzare per "50 chilometri" nell'ambito della controffensiva nella regione di Kharkiv.

Secondo lo Stato Maggiore di Kiev, sono 51.900 i caduti tra le fila dei russi dall'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina. Ieri i militari ucraini affermavano di aver ucciso il giorno precedente 640 soldati russi. Secondo il bollettino, dall'inizio del conflitto sono 2.122 i tank distrutti, così come 1.237 sistemi di artiglieria, 159 sistemi di difesa aerea e 306 lanciarazzi multipli. Distrutti anche, stando ai militari ucraini, 239 aerei e 211 elicotteri, 888 droni, 15 unità navali e abbattuti 214 missili da crociera.

Nelle scorse 24 ore, si legge, "il nemico russo ha subito la maggior parte delle perdite nelle direzioni di Kharkiv e Donetsk" e "le forze di difesa stanno portando avanti una controffensiva di successo nella direzione di Kharkiv" mentre anche "grazie alle capacità e alle azioni coordinate, le Forze Armate ucraine, con il sostegno della popolazione locale, sono riuscite ad avanzare in tre giorni di circa 50 chilometri".

"Secondo dati di intelligence - si aggiunge - alcune unità del nemico hanno subito perdite significative". Stando agli ucraini, i russi "stanno cercando di trasferire il personale ferito e l'equipaggiamento militare danneggiato verso le aree di Vilkhuvatka e Borodoyarske" e "personale" russo "in abiti civili" sceglie di "disertare" e "cerca di tornare nel territorio della Federazione Russa".

Inoltre, secondo lo Stato Maggiore ucraino, "riguardo l'offensiva delle nostre truppe, in alcune aree della regione di Kherson, unità delle Forze Armate della Federazione Russa stanno ricorrendo a tattiche di azioni terroristiche contro i civili della zona" e nella località di Velyka Oleksandrivka "usano la popolazione locale come 'scudi umani'".

Kiev chiederà alla Russia più di 300 miliardi di Euro di risarcimenti per i danni causati dalle sue truppe durante l'invasione del paese. Ad annunciarlo è stato il ministro della Giustizia ucraino, Denys Maliuska. "Il nostro obiettivo è arrivare ad una risoluzione in una sessione speciale dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite a ottobre che getti le basi per un meccanismo internazionale di indennizzi", ha affermato in un'intervista al quotidiano tedesco 'Waz'. "Vogliamo un risarcimento per tutti i danni che la Russia ha causato in Ucraina attraverso la sua guerra di aggressione. I danni diretti causati dalla distruzione di infrastrutture, edifici residenziali o industrie ammontano attualmente a oltre 300 miliardi di euro", ha dichiarato. Il ministero della Giustizia ucraino ha anche individuato "danni ambientali" e "danni personali inflitti alle vittime di guerra", che ha definito incalcolabili.

Kiev chiede pertanto l'accesso a tale importo per il tramite delle riserve della banca centrale russa congelate dai paesi del G7. Ha anche sottolineato che i beni di società statali russe come Gazprom o Rosneft "dovrebbero confluire in un fondo", così come il denaro proveniente dai conti degli oligarchi russi e dal sequestro dei loro beni.