Ucraini in Galizia

Questo villaggio situato nella provincia spagnola della Coruña è conosciuto per l'ospitare i profughi ucraini. Si chiama Cariño . Olga è arrivata qui per un viaggio di lavoro cinque giorni prima dell'invasione russa. È tornata nel suo paese solo per portare via i suoi due figli nella loro nuova casa.

Olga Strelnik, rifugiata ucraina: "Ho cercato di essere positiva e portare questa positività nel mio circolo, nella mia famiglia. Dobbiamo capire che la vita è adesso e non si può vivere nel passato".

L'azienda per cui lavora mette in contatto clienti e distributori di ricambi automobilistici. Ha aperto una sede in Ucraina undici anni fa e nel 2020 un secondo ufficio in Spagna. All'inizio della guerra, la direzione ha deciso di trasferire quasi 80 dei suoi lavoratori che avevano perso tutto a causa della guerra.

Dice Daniel Akimov, direttore commercial Avtopro: "Grazie all'aiuto delle persone e all'aiuto che tutti ci hanno fornito, adesso quasi tutti si sentono bene. Potete chiedere a chiunque qui e vi diranno che questo è come un seconda casa per loro".

Tradizionalmente questa cittadina era un luogo da cui partivano gli emigranti per guadagnarsi da vivere in altre città, ma l'invasione russa dell'Ucraina la sta rendendo sempre più un luogo di accoglienza.

Anche le imprese locali hanno accolto bene i nuovi arrivati. Questo ristorante ha tre nuove reclute nel suo personale. I nuovi arrivati hanno ringiovanito una popolazione invecchiata

Dice Maria Del Mar Barcia, proprietaria di un ristorante: "Sono arrivati proprio al momento giusto e per aiutarci ho deciso di prendere queste ragazze".

Dei quasi 4.000 abitanti di Cariño oggi, anche 100 provengono dall'Ucraina. Una situazione che ha provocato cambiamenti in un villaggio con un'età media di oltre 50 anni.

Aggiunge José Miguel Alonso Pumar, sindaco di Cariño: "Queste persone portano freschezza, giovinezza perché l'età media è piuttosto bassa, e anche freschezza imprenditoriale perché alcuni vogliono aprire nuove attività commerciali".

Gli ucraini e la popolazione locale hanno qualcos'altro in comune. Il 24 agosto è la festa dell'indipendenza del loro paese per i primi e la festa del santo patrono locale per i secondi, San Bartolomeo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli