Udine: muore giovane per accoltellamento a fianco, arrestato 17enne

webinfo@adnkronos.com
Venne ucciso il 31 luglio 2017 a Salerno, oggi sono stati individuati i suoi killer. Svolta decisiva nelle indagini dell'omicidio di Ciro D'Onofrio, il 36enne ucciso nell'estate del 2017 con colpi di pistola davanti dalla sede del distretto sanitario di Pastena, quartiere di Salerno. In tarda mattinata presso la Procura della Repubblica di Salerno si terrà una conferenza stampa nel corso della quale saranno illustrati in dettaglio i risultati delle indagini, condotte dagli agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile di Salerno.

Un giovane di origine albanese di 18 anni appena compiuti è deceduto intorno alle 18 nell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine dopo essere stato accoltellato da un conterraneo diciassettenne ad un fianco in un giardino pubblico del quartiere San Domenico. L'accoltellatore è stato arrestato per omicidio. Lo riferisce all'Adnkronos la questura di Udine.  

Rientrato dopo l'aggressione presso la comunità dedicata ai minori non accompagnati di cui era ospite, l'accoltellatore era stato trasportato in ospedale per lievi ferite procurategli dalla vittima nel vano tentativo di difendersi con una bottiglia ed era stato immediatamente identificato come il responsabile dell'accoltellamento. Una volta medicato, è stato trasportato in Questura dove attende di essere trasferito in idonea struttura, in provincia di Trieste.  

La vittima, residente in provincia di Udine, era stata invece accompagnata in Pronto Soccorso in seguito ad una chiamata arrivata alle 15.30 al 118 per una aggressione con un coltello da cucina al torace, all'altezza del polmone avvenuta in presenza di altri ragazzi, tra cui il fratello gemello. Apparentemente futili i motivi della lite, in base alle ricostruzioni seguita ad una discussione tra i due cominciata ieri sera ma ancora non degenerata. Essendo l'aggressore in possesso di coltello, rinvenuto nel parco dagli inquirenti con i cocci di bottiglia, potrebbe anche avere contestata, secondo quanto viene riferito dalla stessa fonte, la premeditazione dell'omicidio.