Ue allenta norme aiuti a regioni meno sviluppate per aiutare target 'green', digitale

·1 minuto per la lettura
FILE PHOTO: Picture shows European Union flags fluttering outside the EU Commission headquarters in Brussels

BRUXELLES (Reuters) - Le autorità di regolamentazione Ue hanno allentato le normative europee per consentire ai Paesi del blocco di concedere ulteriori aiuti di Stato per aiutare le regioni meno sviluppate a raggiungere obiettivi ecologici e digitali volti a stimolare la crescita economica.

La Commissione europea ha annunciato che i governi potranno fornire incentivi agli investimenti in queste aree, oltre ad avere un limite massimo più alto per i sussidi. Tali aree sono definite come regioni ultra-periferiche, aree di confine, aree in transizione e aree che registrano un calo della popolazione.

La copertura complessiva degli aiuti regionali salirà al 48% della popolazione del blocco, rispetto al 47% precedente. Le linee guida riviste entreranno in vigore l'1 gennaio 2022.

"Le nuove linee guida sugli aiuti di Stato regionali adottate oggi consentiranno agli Stati membri di sostenere la ripresa delle regioni europee meno avvantaggiate e la riduzione delle disparità in termini di benessere economico, reddito e disoccupazione", ha detto in un comunicato il commissario europeo per la concorrenza Margrethe Vestager.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)