Ue appoggia secondo booster Covid per over 60 in attesa vaccini specifici per varianti

Un operatore sanitario somministra una dose del vaccino "Cominarty" Pfizer-BioNTech

BRUXELLES/LONDRA (Reuters) - Le agenzie sanitarie dell'Unione europea hanno raccomandato una seconda dose di richiamo del vaccino contro il Covid-19 per le persone d'età superiore a 60 anni e per quelle vulnerabili da un punto di vista medico, in seguito a un nuovo aumento delle infezioni e dei ricoveri in tutta Europa.

Anche se gli attuali vaccini contro il coronavirus continuano a fornire una buona protezione contro i ricoveri ospedalieri e i decessi, l'efficacia del vaccino ha subito un calo a causa dell'evoluzione del virus.

Da aprile le agenzie sanitarie Ue raccomandano un secondo booster solo per le persone di età superiore a 80 anni e per i soggetti più vulnerabili.

La nuova raccomandazione dovrebbe facilitare le decisioni nazionali per accelerare le campagne di vaccinazione, che negli ultimi mesi hanno subito un rallentamento fino quasi a fermarsi.

"Attualmente stiamo assistendo a un aumento dei tassi di notifica dei casi di Covid-19 e a una tendenza all'aumento dei ricoveri ospedalieri e nelle unità di terapia intensiva in diversi Paesi, principalmente a causa della sottovariante BA 5 di Omicron", ha detto Andrea Ammon, direttore del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, in un comunicato.

"Questo segna l'inizio di una nuova ondata di Covid-19 diffusa in tutta l'Unione europea", ha dichiarato, aggiungendo che dare agli ultrasessantenni e ai soggetti vulnerabili un secondo richiamo ora eviterebbe un numero significativo di ricoveri e decessi.

I produttori di vaccini, come Moderna e i partner Pfizer e BioNTech, hanno testato versioni dei loro vaccini contro il Covid-19 modificate per combattere la variante BA.1 Omicron.

Anche se le società hanno dichiarato che gli attuali vaccini hanno generato una buona risposta immunitaria contro il BA.1 e le varianti in circolazione più di recente, hanno riscontrato una risposta inferiore contro le varianti BA.4 e il BA.5.

L'Agenzia europea per i medicinali (Ema), che sta attualmente esaminando due vaccini adattati alla variante, prevede di approvare i primi vaccini di nuova generazione entro settembre.

"Nel frattempo, è importante considerare l'utilizzo dei vaccini attualmente autorizzati come seconda dose di richiamo per le persone più vulnerabili", ha detto Emer Cooke, direttore esecutivo Ema.

Non ci sono prove evidenti a sostegno della somministrazione di una seconda dose di richiamo in persone di età inferiore ai 60 anni e non a rischio di sviluppare sintomi gravi, ha aggiunto il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli