Ue: Bonino, 'in Italia troppe infrazioni su temi ambiente, fondi Pnrr a rischio'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 nov. (Adnkronos) – "Oggi intervenendo il Aula durante la discussione della Legge europea, ho tenuto a sottolineare due aspetti per me fondamentali. Le procedure di infrazione a nostro carico riguardano proprio i settori di cui si parla in queste ore alla Cop26. Innanzitutto il più grande numero di infrazioni a carico dell’Italia riguarda per l’appunto materie di transizione energetica, ambientale ed ecologica. Se il totale delle infrazioni è 82, quelle sulla transizione ecologica sono 24. E per le 6 e infrazioni già comminate abbiamo speso 759 milioni di euro che ha pagato l’erario dello Stato". Lo ha detto nell’aula di Palazzo Madama la senatrice di Più Europa Emma Bonino.

"Molte di queste -ha spiegato- riguardano materie di competenza regionale, come le 6 di prima, in campo ambientale: rifiuti in Campania, discariche abusive, trattamento acque reflue urbane. Parliamo sempre di transizione ecologica di verde ma un po' di ordine a casa nostra sarebbe utile anche perché questo non dipende da accordi internazionali. Oltre a questo – ha continuato la leader di Più Europa – quello che dovrebbe preoccupare tutti, Governo, Parlamento e via dicendo, è l'utilizzo dei fondi del PNRR. Perché se tanto mi dà tanto, solo nel periodo 2020-2021 tra nazionale ed europeo avevamo un pacchetto di 71 e ne abbiamo speso e impegnati meno del 30% in alcune regioni. Se non troviamo una soluzione – ha concluso Bonino – temo non saranno in grado di né di progettare, né di investire, né di rendicontare”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli