Ue, Breton discuterà con giganti tech norme per limitare loro poteri

·2 minuto per la lettura
Bandiere dell'Unione europea davanti alla sede della Commissione Ue a Bruxelles
Bandiere dell'Unione europea davanti alla sede della Commissione Ue a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - Thierry Breton, commissario europeo per il Mercato interno, ha invitato alcune aziende tra cui Alphabet, Apple, Amazon e Facebook a una serie di trattative in video per la prossima settimana, per discutere l'elaborazione di norme pensate per limitare i loro poteri.

Lo ha comunicato oggi un alto funzionario Ue.

I giganti tech e le piattaforme online hanno esercitato forti pressioni per cercare di smussare le norme regolamentari proposte, che saranno presentate il 9 dicembre da Breton e da Margrethe Vestager, commissaria europea per la Concorrenza.

In vista della presentazione, una conference call il 24 novembre discuterà le norme proposte, note come Digital Services Act (Dsa) e Digital Markets Act (Dma).

Alcune società ritengono che la discussione non porterà a grandi cambiamenti durante questa fase avanzata, secondo fonti vicine alle aziende coinvolte, che hanno parlato in condizione d'anonimato.

La legge Dsa richiederà alle aziende nel settore tech di spiegare il funzionamento dei propri algoritmi e di permettere l'accesso ai loro archivi per autorità e ricercatori.

La legge Dma invece punterà invece ai 'gatekeeper' della rete, con una lista di azioni da compiere, come la condivisione di dati con rivali e autorità, e da evitare, come il trattamento preferenziale per i propri servizi.

Breton ha invitato gli AD di circa 20 società, tra cui anche Microsoft, Booking.com, Expedia, Trivago e DuckDuckGo, secondo quanto riferito da una fonte vicina alla situazione. Non è chiaro se gli AD parteciperanno personalmente o se invieranno alti membri esecutivi al loro posto.

Breton avrà bisogno di feedback da parte dei paesi Ue e del Parlamento europeo prima di poter adottare un disegno di legge definitivo, in un processo che potrebbe richiedere un anno o più.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com,+4858775278)