UE: c'è accordo sul salario minimo

Con una prospettiva economica cupa sul tavolo e tassi di inflazione superiori all'8%, le istituzioni dell'Unione europea hanno concordato un accordo provvisorio per un salario minimo. Ciò non significa che sarà possibile guadagnare lo stesso da Siviglia a Stoccolma, ma che lo stato-membro dovrà fornire condizioni di lavoro e di vita dignitose a tutti i dipendenti europei.

Così Commissario Ue per il Lavoro, Nicolas Schmidt: Questo è il punto di svolta, e penso che questo punto di svolta solleverà un elemento essenziale: combattere la povertà interiore ma anche rafforzare l'idea di economia sociale di mercato.

I paesi dell'UE dovranno aumentare il salario minimo in base a un paniere di beni e servizi per la casa, tenendo conto del salario medio lordo. I paesi dell'UE dovranno anche fissare i propri obiettivi e attuarli. Il business è preoccupato in quanto ciò potrebbe significare più costi in tempi difficili.

Così l'eurodeputato Dennis Radtke, Partito popolare europeo: "Capisco che molte aziende siano preoccupate per la situazione attuale, ma questa direttiva non dovrebbe contribuire a queste preoccupazioni, l'impatto sarà limitato".

Detto questo, alcuni paesi come la Danimarca e la Svezia sono contrari alla direttiva. Non vogliono che l'UE si intrometta nelle questioni salariali e si preoccupano per il loro sistema di contrattazione collettiva in pericolo. Una volta che l'accordo sarà concluso, entrerà in vigore in vigore entro due anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli