Ue, Calderone al Cese: "Più attenzione a domanda e offerta lavoro"

·1 minuto per la lettura

Attenzione al mercato del lavoro sul fronte della domanda e dell'offerta, al sostegno della produttività e alla capacità competitiva delle imprese. Queste alcune delle proposte contenute nel parere SOC/699 'Orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione', su cui ha relazionato la presidente del Consiglio nazionale dell’ordine dei consulenti del lavoro, Marina Calderone, al Comitato economico e sociale europeo (Cese), di cui è componente.

Il parere, discusso e approvato durante la riunione, è in continuità con quello dell’anno precedente ma, spiega la presidente, "guarda agli effetti della pandemia e alle soluzioni che gli Stati membri dovrebbero adottare per poter accompagnare lavoratori e imprese verso un lavoro di qualità, intesa come sostenibilità dell’attività lavorativa e come qualità della vita".

Tra le proposte quella di valorizzare il dialogo sociale e la contrattazione collettiva come pilastro importante della resilienza dell’economia europea, ponendo l'accento su misure di welfare sostenibile e incentivi efficaci alle assunzioni, in particolare per le pmi. Nel parere si parla anche di protezioni sociali da assicurare a tutti i lavoratori, professionisti inclusi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli