Ue, Casellati: è nel nostro Dna, possiamo provare a migliorarla

Gal

Roma, 17 dic. (askanews) - "Il nostro europeismo non è in discussione. L'Europa è nel DNA della nostra Repubblica. È parte integrante della nostra storia, della nostra tradizione democratica, della nostra cultura. Ciò che dovremmo chiederci è se essere davvero europeisti significhi accettare l'Europa così com'è o invece provare a migliorarla". Lo ha detto il presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, nel suo discorso per gli auguri alla stampa parlamentare.

"Una riflessione che deve partire dagli Stati membri, ma che deve trovare nei vertici comunitari: un interlocutore sensibile alle istanze che derivano direttamente dal tessuto sociale. Un interlocutore disposto ad aprirsi al dialogo e alla condivisione di obiettivi di crescita che diano valore alle peculiarità delle economie nazionali. Un interlocutore pronto a confrontarsi a livello programmatico anche con gli organi territoriali, a partire dalle Regioni, che sono in prima linea nell'attuazione delle politiche di sviluppo comunitarie", ha aggiunto.