Ue, Castaldo (M5S): "Chi pensa di essere sopra regole lo dica chiaramente"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Mai mi sarei aspettato, dopo anni di duro lavoro gomito a gomito e di battaglie senza sosta, che gli attacchi più vigorosi al nostro lavoro, conditi da inesattezze e persino da vere e proprie menzogne, potessero arrivare proprio dall'interno del Movimento. Chi adopera mezzi del genere, chi si presta a logiche lontane dalla condivisione, in un momento così drammatico e pericoloso per il nostro Paese dal punto di vista sanitario, economico e sociale, ha smarrito l'unica priorità che non possiamo e non dobbiamo mai dimenticare, cioè il bene dei cittadini e del Movimento, ed è evidentemente accecato da altro". Lo scrive su Facebook Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare M5S e vicepresidente del Parlamento europeo, condividendo il post in cui la collega Tiziana Beghin annuncia di aver segnalato ai probiviri gli eurodeputati 5 Stelle che hanno votato in dissenso dal gruppo sulla riforma della Pac.

M5S, spettro scissione a Bruxelles

"Le regole - prosegue Castaldo - si rispettano: questo è il cuore della democrazia. Di ogni democrazia. Quando ci siamo candidati abbiamo preso un impegno con i nostri concittadini: dare il nostro massimo ogni giorno, lavorare con dedizione e spirito costruttivo su ogni dossier e ogni provvedimento, difendere al meglio l'interesse del nostro Paese, delle piccole e medie imprese, dei lavoratori, dei nostri concittadini. Rispettando sempre un metodo imprescindibile: il lavoro di squadra, basato sulla capacità di confrontarci in modo costruttivo e di fare sintesi, sul rispetto reciproco e sulla condivisione".

"Chi non rispetta queste regole, chi si sottrae sistematicamente da mesi persino al confronto, chi esige che le decisioni si applichino a tutti quando il suo punto di vista ottiene consenso, arrogandosi l'iniquo privilegio di poter agire come più gli piace quando non lo ottiene, non ha rispetto né per il Movimento né per i cittadini. Abbiamo bisogno di persone con senso del dovere e delle istituzioni, non di divisioni e di strappi. Per questo condivido pienamente le parole espresse e le scelte operate dalla nostra capo delegazione e mia cara amica Tiziana Beghin", rimarca l'eurodeputato grillino.

"In una squadra si deve giocare sempre tutti per insieme per vincere il campionato, non per vedere chi segna più goal nella classifica marcatori. Se qualcuno pensa di poter essere al di sopra delle regole, di poter imporre con la prepotenza le sue personali verità o, addirittura, di voler giocare con altre squadre ha il dovere di dirlo chiaramente. E di assumersene le responsabilità. Noi pensiamo a lavorare, a farlo quotidianamente con coscienza, tanto impegno e umiltà. Il Paese - conclude Castaldo - ha davvero bisogno di un Movimento unito e forte, ora più che mai".