Ue, Craxi: inutile embargo armi se paghiamo 'pizzo' per rotta balcanica

Pol/Gal

Roma, 16 ott. (askanews) - "Basta ipocrisie: non è sufficiente dire 'niente armi alla Turchia' se poi gli paghiamo 'un pizzo' da 6 miliardi di euro e sottostiamo ai suoi ricatti solo perché blocca la rotta balcanica, e magari, con quegli stessi soldi su cui non è stato possibile in questi anni fare alcun controllo, si finanzia lo sterminio curdo". Lo ha dichiarato la senatrice di Forza Italia, Stefania Craxi, nel corso delle dichiarazioni di voto sul dibattito sul Consiglio europeo.

"È necessario che l'Italia nel corso del vertice ponga la questione delle risorse destinate in passato con tanta solerzia alla Turchia mentre nulla veniva fatto e nulla viene stanziato per lo sviluppo dell'Africa e per la stabilizzazione di quest'area da cui origina la cosiddetta 'rotta mediterranea' dei migranti".

Quanto ai temi dell'immigrazione, la senatrice Craxi ha accusato l'esecutivo Conte di "confusione e proclami" e di non avere "una strategia" per bloccare i flussi "visto che l'accordo sui migranti firmato a Malta ha subito una prevedibile battuta d'arresto nel Consiglio dell'Unione Europea sugli Affari Interni della scorsa settimana".