Ue dà via libera a progetto paneuropeo batterie da 2,9 mld euro

·1 minuto per la lettura
Diverse bandiere dell'Unione europea davanti alla Commissione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - Le autorità antitrust Ue hanno approvato un progetto da 2,9 miliardi di euro per la produzione di batterie finanziato da Germania, Francia, Italia e altri nove paesi del blocco, rispondendo alla crescente domanda di batterie per auto e industriali nel continente.

I membri del programma, chiamato European Battery Innovation, includono Austria, Belgio, Croazia, Finlandia, Grecia, Polonia, Slovacchia, Spagna e Svezia, ha comunicato la Commissione europea.

I paesi sperano di attrarre 9 miliardi di euro da investitori privati.

Il blocco ha lanciato la European Battery Alliance nel 2017 nel tentativo di sviluppare un'industria che dovrebbe prosperare in un futuro a basse emissioni di CO2 e garantire che il continente non dipenda da prodotti o tecnologie importati dall'estero.

"Per queste sfide enormi per l'innovazione dell'economia europea i rischi possono essere troppo grandi per essere affrontati da un solo Stato membro o da una singola società", ha detto in un comunicato la commissaria ala Concorrenza Margrethe Vestager.

"Quindi, ha senso che i governi europei uniscano le forze per sostenere l'industria nello sviluppo di batterie più innovative e sostenibili" ha aggiunto Vestager.

Il progetto coprirà l'intera catena del valore delle batterie, dall'estrazione delle materie prime, alla progettazione e produzione delle celle e dei pacchi batteria fino al riciclaggio e allo smaltimento.

((Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614))