Ue deciderà entro 10 novembre su deal Cdp-Macquarie su Open Fiber

·1 minuto per la lettura
Diverse bandiere Ue davanti la Commissione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - Cassa depositi e prestiti e il fondo australiano Macquarie hanno chiesto l'ok dell'antitrust europeo per l'acquisizione del gestore di reti in banda larga Open Fiber, secondo un documento della Commissione europea.

Al momento la proprietà di Open Fiber, creata per la messa a punto di una rete in fibra che aiuti a ridurre il divario digitale tra l'Italia e il resto d'Europa, è divisa tra Enel e Cdp.

L'autorità europea sulla coconcorrenza prenderà una decisione in merito entro il 10 novembre.

In base all'accordo Cdp aumenterà la sua quota, portandola al 60% dal 50% attuale, mentre Macquarie rileverà il rimanente 40%.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli