Ue, Draghi "Per difesa comune non c'è tempo da aspettare"

·1 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - "Gli eventi degli ultimi mesi stanno portando a un profondo riesame delle nostre relazioni internazionali, un riesame la cui comnclusione non può essere che il rafforzamento della sovranità e della difesa europea. E' iniziata un riflessione sugli aspetti organizzativi: è solo l'inizio ma sono certo che quesa rflessione ci accompagnerà negli anni a venire. Ma anche qui (come per la lotta al cambiamento climatico, ndr) non c'è molto tempo da aspettare. Abbiamo inoltre discusso anche della sicurezza del Mediterraneo, della parte più vicina, come Libia e Tunisia. La situazione è instabile ma tutti i paesi hanno detto che vogliono contribuire al mantenimento della stabilità". Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, ad Atene al termine del vertice EuMed.

(ITALPRESS).

fil/red

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli