Ue e Usa ridurranno ostacoli a export vaccini - bozza vertice

·1 minuto per la lettura
Le bandiere degli Stati Uniti e dell'Unione europea

di Robin Emmott e Francesco Guarascio

BRUXELLES (Reuters) - L'Unione europea e gli Stati Uniti proveranno a ridurre le restrizioni alle esportazioni di vaccini anticovid e medicinali nel vertice previsto per martedì prossimo, nella convinzione che la condivisione volontaria delle tecnologie sia la chiave per incrementare la produzione.

È quanto si legge in una bozza del comunicato congiunto visto da Reuters e ancora soggetto a modifiche, che non fa cenno alla sospensione dei brevetti sui vaccini, proposta in via temporanea dal presidente Usa Joe Biden per far fronte alla scarsa disponibilità di dosi.

La Ue si è più volte opposta all'idea, che è invece sostenuta dai Paesi più poveri.

La scorsa settimana, Bruxelles ha presentato all'Organizzazione internazionale del commercio una controproposta meno radicale, basata sulle norme internazionali gia' esistenti che permetterebbe ai diversi Paesi di concedere le licenze senza l'ok dei detentori del brevetto.

Nel corso del vertice Ue-Usa di martedì a Bruxelles le due parti dovrebbero stabilire una taskforce congiunta per incrementare la capacità di produzione dei vaccini e dei medicinali volta a "mantenere le catene di approvvigionamento aperte e sicure, evitando restrizioni non necessarie sulle esportazioni".

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Giselda Vagnoni, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli