Ue, in Emilia-Romagna 23 progetti per sostegno cittadinanza europea

red/Rus

Roma, 24 set. (askanews) - Spettacoli, mostre, concorsi, seminari, ma anche attività per rafforzare la capacità degli enti territoriali di partecipare alla programmazione europea e di intercettare nuove risorse. Prosegue l'impegno della Regione Emilia-Romagna per sostenere progetti finalizzati alla promozione della cittadinanza europea: 280mila euro per il 2019 (40 mila in più dello scorso anno) sono stati assegnati dalla Giunta regionale, in base alla legge 16/2008, per finanziare sul territorio 23 progetti di soggetti pubblici e privati selezionati attraverso uno specifico bando. I contributi erogati dalla Regione coprono il 65-75% della spesa prevista, pertanto ad essi vanno aggiunti i fondi propri dei soggetti vincitori, per circa 140mila euro. Risorse maggiori sono state previste per favorire la partecipazione delle aree regionali più svantaggiate, come i Comuni montani, quelli derivanti da fusione e quelli delle aree interne. Obiettivo del bando era appunto quello di avvicinare i cittadini ai valori dell'Europa, promuovere la conoscenza delle radici storiche e di pensiero del progetto europeo e le tappe del processo di integrazione, rafforzare la partecipazione degli enti territoriali alle politiche comunitarie e la loro capacità di intercettare i fondi disponibili. "Portiamo avanti e rafforziamo l'impegno della nostra Regione per sostenere la progettazione sul tema importante e variamente declinabile della cittadinanza europea- commenta l'assessore regionale al Coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, Patrizio Bianchi-. Anche quest'anno possiamo rilevare una risposta ampia, diversificata e di qualità, segno della vivacità del nostro territorio e dell'interesse per questo argomento, la valorizzazione dell'identità europea degli emiliano-romagnoli e l'importanza di appartenere all'Europa, che è uno dei fattori chiave per lo sviluppo dell'intero territorio regionale".(Segue)