Ue, Gentiloni "Sullo sviluppo sostenibile ancora strada da fare"

Redazione



BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) - "Oggi ci troviamo in una situazione migliore per affrontare questa crisi economica, anche se i progressi ottenuti in questi anni rappresentano solo un punto di partenza". Con queste parole Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia, è intervenuto nel corso della conferenza stampa di presentazione della relazione Eurostat 2020 sui progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile nell'UE. La Commissione europea targata Von der Leyen ha fatto della sostenibilità una priorità politica prioritaria per il suo mandato. I 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SGD), che rientrano nell'Agenda 2030, puntano a contribuire allo sviluppo globale, promuovere il benessere umano e proteggere l'ambiente. "Abbiamo iniziato a integrare gli SDG nel nostro quadro di coordinamento delle politiche economiche, il semestre europeo, con il nuovo leitmotiv della sostenibilità competitiva - ha spiegato Gentiloni -. Questa crisi ha sottolineato l'importanza dell'interdipendenza per i nostri Paesi. Dobbiamo quindi attuare gli SDG nella loro interezza per garantire a tutti i cittadini europei una sostenibilità competitiva".

"Negli ultimi cinque anni l'Unione europea ha compiuto molti progressi in vari SDG, come povertà, salute e benessere, ma ha anche fatto dei passi indietro, ad esempio sulle disuguaglianze uomo-donna e pochi progressi invece contro i cambiamenti climatici", ha spiegato il commissario Ue.

Infine, a una domanda sul possibile taglio dell'IVA in Italia, il commissario europeo ha glissato: "Valutiamo proposte dei Paesi membri, quando ci vengono formulate nei bilancio o nei piani di Recovery. Quindi faremo lo stesso con una proposta di questo genere quando ci verrà presentata".

(ITALPRESS).

alp/sat/red