Ue: Gozi, 'successo Renew da replicare anche in Italia'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 nov. (Adnkronos) – "Renew Europe è la più grande innovazione politica degli ultimi anni in Europa, e con cento rappresentanti eletti costituisce la terza forza al Parlamento europeo. Nata nel 2018 come unione tra due grandi forze politiche – Alde e Pde -, Renew Europe deve ora arrivare in Italia, dove sono sicuro si possa replicare il successo già avuto altrove. Servono lungimiranza, generosità e urgenza". Lo ha detto Sandro Gozi, intervenendo al convegno "Verso la forza terza con Renew Europe. Liberali, democratici, repubblicani uniti per un’agenda politica riformatrice euro-atlantica’ organizzato oggi a Forlì.

"Lungimiranza, come quella avuta a suo tempo da Emmanuel Macron – ha proseguito l'eurodeputato di Renew Europe e segretario generale del Partito democratico europeo -, promotore di Renew e ci auguriamo Presidente in Francia per altri cinque anni a partire dal 2022. Oggi appartengono a Renew Europe sei tra Capi di Stato e di Governo in Europa. Generosità: no a veti verso chiunque, no a personalismi, sì all’impegno di tanti soggetti politici e partitici diversi; sì all’ingresso della società civile che crede nel valore del merito e nelle libertà di mercato. Urgenza: occorre in Italia andare oltre il bipopulismo cristallizzato da un’anacronistico antagonismo tra una estrema destra sovranista e una sinistra populista".

"Noi oggi dobbiamo fare nostra l’agenda del Governo Draghi, che sta rilanciando l’Italia a la sua economia, e dobbiamo proporre tale agenda per la legislatura che inizierà nel 2023. Vogliamo un’Italia protagonista in un’Europa della potenza – sanitaria, militare, economica e della conoscenza – con investimenti su scuola, ricerca e cultura", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli