Ue, Gualtieri: 'Auspicio è che Italia sia autorevole, dispiace non ci sia Draghi'

(Adnkronos) - "Sia nelle parti del discorso di Von der Leyen dove c'è battaglia in Europa, come sul prezzo del gas, sia su quelle più di visione come la Convenzione sul futuro dell'Europa, l'auspicio è che l'Italia, in Parlamento e nel Consiglio europeo, sia autorevole e capace di esercitare un ruolo di peso perché da come alcune delle cose dette verranno interpretate dipenderà il nostro futuro". Lo ha affermato il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, intervenendo all'evento organizzato dall'ufficio di collegamento del Parlamento Europeo in Italia e dalla Rappresentanza della Commissione Europea in Italia in occasione del Discorso sullo 'Stato dell'Unione Europea' della Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen.

Adesso "siamo di fronte a una crisi ancora più difficile che richiede un salto di qualità ancora più marcato nell'integrazione, un approccio completamente transnazionale - ha aggiunto Gualtieri - esprimo un certo rammarico che non ci sarà Mario Draghi a condurre per l'Italia questo importante negoziato".

"Il sostegno garantito dal discorso di Von Der Leyen all'Ucraina - afferma- si conferma forte, come la scelta di proseguire con le sanzioni contro la Russia, anche senza aumentarle, è stata forte e importante. Come importante è ribadire l'impatto impegnativo di tutto ciò sull'economia dell'Unione".

In ambito di governance economica - continua - dell'Ue "ho sentito la presidente spingersi più in là di quello che avrei pensato. Il commissario Gentiloni propone da tempo una riforma di queste regole, in particolare quella sul debito che è inapplicabile. Ci sono stati diversi paper, compreso quello tedesco, ma il modello Pnrr cui si è spinta Von Der Leyen, quello della ownership, insieme alla frase in cui ha affermato che è necessario mantenere un livello di indebitamento in queste fasi di crisi profonda, prospetta una direzione molto importante anche per il nostro Paese".

"Voglio esprimere la mia commozione personale per l'omaggio di Von der Leyen a David Sassoli. È stato toccante vederne le immagini, in questa sala che ha accolto la sua camera ardente. Le parole della presidente sono il grande merito di David e l'eredità cospicua che lui ci lascia e lascia all'Unione" conclude.