Ue impone dazi su produttori cinesi di alluminio

·1 minuto per la lettura
Panoramica di un deposito di lingotti di alluminio a Wuxi, nella provincia di Jiangsu, in Cina

BRUXELLES (Reuters) - L'Unione europea ha imposto dazi sui prodotti in alluminio importati dalla Cina, dopo che un'indagine ha dimostrato che venivano venduti a prezzi eccessivamente bassi.

E' quanto si legge nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

La Commissione europea, che supervisiona le politiche commerciali del blocco delle 27 nazioni, ha fissato dazi anti-dumping tra il 21,2% e il 31,2% sui produttori cinesi di estrusi in alluminio sotto forma di barre, aste, profili o tubi.

I dazi sono inferiori rispetto ai dazi provvisori tra il 30,4% e il 48,0% imposti nel corso dell'indagine.

A febbraio 2020 la Commissione ha aperto un'indagine sui prodotti ampiamente utilizzati nei trasporti, nelle costruzioni e nell'elettronica, dopo un reclamo da parte di European Aluminium, un'associazione del settore.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Sabina Suzzi)