Ue, la lista dei candidati commissari: team di 14 uomini e 13 donne

ursula von der leyen

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha ufficializzato la lista dei candidati commissari dai singoli stati membri dell’Unione. Il nuovo esecutivo europeo, nel suo complesso, è formato da 14 uomini e 13 donne (inclusa la presidente). Soltanto nella giornata di domani (martedì 10 settembre), però, la presidente scioglierà la riserva e annuncerà la distribuzione dei portafogli. Mercoledì, infine, ci sarà un’altra discussione con il premier Giuseppe Conte: sul tavolo ci saranno sicuramente i temi dell’immigrazione e della legge di bilancio.

La lista dei candidati commissari

Nella lista dei candidati commissari ufficializzata da Ursula von der Leyen rientrano, in ordine: Johannes Hahn (Austria, confermato); Didier Reynders (Belgio); Mariya Gabriel (Bulgaria, confermata); Dubravka Šuica (Croazia); Stella Kyriakides (Cipro); Vera Jourova (Repubblica Ceca, confermata); Margrethe Vestager (Danimarca, confermata); Kadri Simson (Estonia, confermata); Jutta Urpilainen (Finlandia); Sylvie Goulard (Francia); Margaritis Schinas (Grecia).

László Trócsányi (Ungheria); Phil Hogan (Irlanda), confermato; per l’Italia Paolo Gentiloni; Valdis Dombrovskis (Lettonia), confermato; Nicolas Schmit (Lussemburgo); Helena Dalli (Malta); per l’Olanda Frans Timmermans, confermato; per la Polonia Janusz Wojciechowski.

E ancora Elisa Ferreira per il Portogallo; Rovana Plumb per la Romania; Maroš Šefčovic, confermato per la Slovacchia; Janez Lenarčič per la Slovenia e per la Svezia Ylva Johansson. Per la Spagna, infine, c’è Josep Borrell, designato come Alto Rappresentante del Consiglio Europeo.

Una volta approvato il team, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Ue, la squadra entrerà nel vivo delle funzioni. Mancano ancora, però, le audizioni dei commissari designati e il voto del Parlamento Europeo che dovrà approvare l’intero collegio dei commissari. Ottenuto il consenso, infine, il Consiglio Europeo nominerà formalmente la Commissione, che diventerà operativa il primo novembre.

Il ruolo di Gentiloni in Ue

Si attende di conoscere anche l’assegnazione a Paolo Gentiloni, che per il momento potrebbe guadagnarsi un portafoglio di grande rilievo. Secondo alcune indiscrezioni, all’Italia potrebbero andare gli Affari Economici e Monetari, il portafoglio dell’Industria e del Mercato Unico o ancora l’alternativa della Concorrenza o del commercio internazionale.