webinfo@adnkronos.com

"Esprimiamo forti perplessità - aggiungono - sulle decisioni in merito a risorse proprie e ricatto dello Stato di diritto, elemento che ha fatto perdere tempo prezioso a causa dell'atteggiamento della maggioranza del Parlamento Europeo: per questo motivo, in attesa dell'entrata in vigore a pieno regime del Recovery Fund, per il quale bisogna attendere regolamento Rrf, non possiamo condividere quanto proposto dall'Ue". "La Lega esprimerà la propria astensione, considerando questo risultato l'ennesima occasione persa da questa Europa per dare risposte concrete ed efficaci ai cittadini", concludono.