Ue, Marcucci: ora collaborazione istituzionale nel nome di Ursula

Pol-Afe
·1 minuto per la lettura

Roma, 21 lug. (askanews) - "Ora bisogna discutere dell'opportunit di creare un forte clima di collaborazione istituzionale, almeno da parte di tutti coloro che hanno sostenuto, ed a ragione, la maggioranza di Ursula von der Leyen. Non penso ad una nuova maggioranza, ma a un confronto virtuoso tra la maggioranza ed una parte delle opposizioni. Stiamo celebrando l'affermazione di una idea dell'Europa e la sconfitta di chi ha puntato al disastro. Sulle riforme, questo nuovo clima dovrebbe potersi vedere". Lo dice il capogruppo Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci in un'intervista ad Affari Italiani. Quanto al Consiglio Europeo, secondo Marcucci "Conte ha il grandissimo merito di aver creduto a questo risultato sin dall'inizio e di aver contribuito a dare al suo governo un forte ancoramento europeo. Ora inizia una nuova partita, non meno complessa. Servono riforme serie e rigorose ed in tempi veloci. L'Italia ha una incredibile opportunit, non deve sprecarla con la melina". Sul Mes, il capo dei senatori dem risponde: "Capisco che con 209 miliardi del Recovery Fund, la valutazione sul Mes sia meno drammatica. Conti alla mano, vedremo i ragionamenti dell'esecutivo ed il dibattito in Parlamento. Penso che Zingaretti abbia ragione, io stesso ho fatto riferimento al Mes nel mio commento sul Consiglio europeo".