Ue: Mattarella, 'fiducia reciproca tra partner con opera paziente ed efficace'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Maastricht, 11 nov. (Adnkronos) – "Il percorso di integrazione europea è stato costellato di difficoltà e contraddizioni, e ha richiesto passione ostinata e fatica instancabile, spese nella ricerca di comprendere e armonizzare le attese dei diversi protagonisti". Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parlando all'House of Government di Maastricht, in occasione del 30/mo anniversario della firma del Trattato.

"Un percorso accidentato; frutto, sin dall’inizio, di tormentati scontri e di lungimiranti incontri -ha ricordato il Capo dello Stato- tra le sensibilità delle delegazioni dei vari Governi impegnati nei negoziati. Proprio perché fondato su principi di diretta partecipazione dei popoli alle decisioni, l’orientamento dei diversi Paesi non è stato ispirato da una linea univoca, costante, in questi settant’anni. È stato influenzato, piuttosto e naturalmente, dagli indirizzi che, di volta in volta, si sono manifestati negli appuntamenti elettorali di ciascuno Stato. Si spiegano così il pendolo che ha accompagnato il proseguire della costruzione europea, gli avanzamenti e gli arretramenti, l’equilibrio instabile tra spinta federalista e opzione intergovernativa, l‘irrisolto tema del rapporto di interdipendenza degli Stati".

"Troviamo, in realtà, di volta in volta, gli stessi protagonisti schierati sull’uno o sull’altro dei fronti possibili. L’intendersi, l’accrescere la fiducia reciproca tra i partner, è stata opera -ha concluso Mattarella- paziente ed efficace".