Ue: Mattarella, 'Università motore Europa, parte integrante evoluzione società'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Parma, 4 ott. (Adnkronos) – "Le radici di questa università sono antiche di secoli, collegate alle origini del fenomeno di nascita dell'universitas, che produsse una rete unificante dei popoli europei". Per questo l'università è alle "fondamenta dell'idea di Europa" e rappresenta un "motore del suo sviluppo". Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nella Lectio magistralis tenuta all'Università di Parma, in occasione del conferimento della laurea honoris causa in Relazioni internazionali ed europee.

"La storia delle università ha aggiunto il Capo dello Stato- è parte rilevante dell'evoluzione delle nostre società. Da quasi mille anni le università connotano l'Europa. Ancor prima che si affermasse l'età moderna, le università lavoravano sul terreno che si sarebbe rivelato propedeutico ad una coscienza europea, contribuivano a comporre un corpo unitario, sperimentavano nuove regole del costume civile fondato sul diritto, sulle arti, sulla medicina, sulla filosofia. Non è un caso che l'idea di università si sia sviluppata nel Continente europeo e che tuttora questo abbia il numero più alto al mondo di università e di istituzioni per l'alta formazione".

"Alla civiltà e alla storia europea non è estranea la vicenda delle sue università: riflettere sull'Europa senza richiamarsi alla loro esperienza sin dall'epoca della peregrinatio dei clerici vagantes -ha evidenziato ancora Mattarella- significherebbe privarsi di un riferimento essenziale. Così come lo sarebbe non tener conto dello ius commune, elaborato nelle università e che per molti secoli è stato il diritto condiviso dalla gran parte dell'Europa continentale, unificata dai principi fondamentali del diritto".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli