Ue prepara riforma mercato emissioni Co2, estesa a shipping, auto, riscaldamento

·2 minuto per la lettura
Bandiere Ue davanti alla sede centrale della Commissione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - L'Unione europea intende rivedere il mercato della Co2 per ridurre più rapidamente le emissioni che contribuiscono al riscaldamento globale, stabilendo un prezzo per l'inquinamento da trasporti navali e terresti e sistemi di riscaldamento negli edifici.

È quanto emerge dalla bozza di un documento visto da Reuters.

La Commissione europea proporrà a luglio la più grande riforma del sistema di scambio di emissioni (Ets) da quando la politica è stata lanciata nel 2005. L'Ets costringe centrali elettriche, fabbriche e compagnie aeree che gestiscono voli europei ad acquistare permessi per l'emissione di Co2, creando un incentivo finanziario a ridurre l'inquinamento prodotto.

Le riforme rientrano in un pacchetto di misure che Bruxelles proporrà il 14 luglio, volto a raggiungere il target Ue di ridurre le emissioni di Co2 del 55% entro il 2030, dai livelli del 1990. La maggior parte delle misure Ue sono state ideate per rispettare un target climatico più vecchio e quindi necessitano di essere aggiornate.

Una bozza delle proposte Ets mostra che la fornitura di permessi Co2 subirà una riduzione una tantum. L'ammontare dei permessi in entrata ogni anno nel mercato Ue delle emissioni di Co2 diminuirà anche a un ritmo più rapido, a partire dall'anno dopo l'implementazione delle riforme, si legge nella bozza, che però non specifica le tempistiche della riduzione del limite.

La proposta rafforzerà le "riserve di stabilità di mercato" dell'Ets, un meccanismo ideato per evitare un accumulo dei permessi in eccesso che potrebbe ridurre i prezzi del carbonio Ue.

La proposta potrebbe cambiare prima della sua pubblicazione. Gli stati membri Ue e il Parlamento europeo dovranno negoziare le riforme definitive, un processo che potrebbe richiedere circa due anni.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli