Brexit, esautorata May. Si voterà su proposte del Parlamento

Huffington Post

La Camera dei Comuni ha approvato un emendamento sulla Brexit destinato a dare "la precedenza" mercoledì al voto su proposte alternative di piani B promossi in Parlamento, rispetto all'eventuale terzo tentativo di ratifica dell'accordo May. E quindi a passare il controllo dell'iter a Westminster. L'emendamento, promosso dai Tory dissidenti Oliver Letwin e Dominic Grieve e dal laburista Hilary Benn, ha ottenuto 329 sì e 302 no. Il sottosegretario Richard Harrington, che ha votato per il testo contro la volontà del governo, s'è dimesso.

Terremoto in vista per la premier britannica che del resto sapeva già di non contare su un sostegno sufficiente per poter portare per la terza volta al voto l'accordo di separazione negoziato con Bruxelles e già bocciato due volte. Lo ha ammesso in uno statement alla Camera dei Comuni la stessa May che a mezzogiorno aveva incontrato il leader laburista Jeremy Corbyn per un "franco scambio di pareri". Secondo quanto deliberato la scorsa settimana dallo speaker della Camera John Bercow inoltre, per arrivare a un terzo voto il governo deve apportare modifiche sostanziali all'accordo già rigettato dalla Camera e non può limitarsi a semplici variazioni semantiche o modifiche di facciata. Un nuovo voto appare dunque sempre più improbabile mentre mancano solo 4 giorni alla data del 29 marzo.

L'accordo sulla Brexit dall'Ue raggiunto con Bruxelles non ha ancora "un consenso sufficiente" ai Comuni. Lo ha riconosciuto Theresa May nel suo statement di oggi a Westminster, impegnandosi a continuare a cercare questo consenso, ma anche a lasciare "tempo" ai deputati per discutere e votare proposte di piani B. La premier si era peraltro detta "scettica" sull'esisto positivo dei "voti indicativi" su altri progetti e annunciato l'opposizione del governo all'emendamento che mira a passare il controllo dell'iter al Parlamento.

La premier ha insistito che laddove il Parlamento non fosse in di grado approvare un accordo su una diversa...

Continua a leggere su HuffPost