ue, Sassoli: domani con Conte inizia lavoro su migranti e bilancio

Gal

Roma, 10 set. (askanews) - "Con il premier Conte ci vediamo domani qui a Bruxelles. Quella sarà l'occasione per una ricognizione su diversi dossier europei: Brexit, bilancio pluriennale della Ue, rilancio del multilateralismo, politica della sicurezza europea, politica per il Mediterraneo e rilancio della politica di adesione nei confronti dei Balcani occidentali". David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, dopo aver ascoltato il discorso alla Camera di Giuseppe Conte ci tiene a sottolineare la "notevole convergenza" tra le parole del premier e le aspettative del Parlamento europeo.

In un'intervista a Il Fatto Quotidiano Sassoli parla della proposta di corridoi umanitari europei: "Che i governi riprendano in mano la riforma del Regolamento di Dublino è una priorità del Parlamento europeo, con il rilancio delle iniziative dei corridoi umanitari e la riflessione sulla redistribuzione dei migranti. Dopo la fine del governo gialloverde l'Italia torna in Europa. Il governo precedente non ha lavorato molto sui dossier europei".

Sui conti pubblici l'esponente del Pd dice: "L'Italia, come tutti gli altri Paesi europei, deve rispettare gli impegni. Nessuno può eludere il tema della sostenibilità delle finanze pubbliche nel quadro di politiche per la crescita. Se gli impegni saranno rispettati si arriverà anche a importanti riforme del patto stabilità. Ma se oggi dovessi indicare una priorità per poterci arrivare, direi che bisogna subito investire sulle politiche europee perché sono le politiche a cambiare la vita delle persone e a far capire loro quanto sia importante l'Europa".

Non crede che ci possa essere una ricaduta sugli equilibri del governo, visto che sia Gentiloni, sia il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, sia infine quello per gli Affari europei, Enzo Amendola, sono del Pd? "Un governo deve lavorare con collegialità. L'azione del Pd per rilanciare le politiche europee è una grande opportunità. Questa è la prova che il Pd sta facendo sul serio. Pd e M5S sono stati molto coraggiosi. Per tutti adesso l'obiettivo è quello di riaprire il cantiere europeo".