Ue, Schinas: Covid, vaccini e Recovery, “l’Europa ce l’ha fatta”

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Strasburgo, 16 set. (askanews) - Il vicepresidente della Commissione europea Margaritis Schinas ha rivendicato con forza, oggi a Bruxelles, il primato conquistato dall'Ue nella vaccinazione della propria popolazione rispetto al resto del mondo, a dispetto dello scetticismo e delle critiche anche molto aspre di una parte della stampa e dell'opinione pubblica nella primavera scorsa, quando si erano registrati dei ritardi nella consegna dei vaccini e nella loro somministrazione.

"Ciò che abbiamo realizzato con la gestione della pandemia negli ultimi 18 mesi è stata una storia di successo europea, un miracolo europeo", ha affermato il vicepresidente della Commissione durante la conferenza stampa per la presentazione della nuova Autorità Ue per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (Hera) .

"Dai vaccini al 'Next Generation EU', ai certificati Covid, emessi per 400 milioni di persone, l'Europa ce l'ha fatta, a dispetto delle cassandre e dei profeti di sventura che cercavano di convincere gli europei che non ci saremmo mai riusciti. Abbiamo dovuto combattere contro questo", ha detto Schinas mostrando la copertina dell'Economist del 4 aprile 2021, in cui si vedeva un edificio in forma di siringa con una bandiera europea lacera sullo sfondo di un cielo tempestoso, e il titolo: "What has gone wrong?" ("Che cosa non ha funzionato?").

"E questo invece è quello che abbiamo raggiunto", ha continuato il vicepresidente della Commissione, mostrando un grafico con la curva dell'andamento delle vaccinazioni. "Con più del 70% della popolazione adulta vaccinata, l'Europa è prima al mondo, e ha superato gli Usa e il Regno Unito", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli