Ue, servono 80 mld euro per punti ricarica auto elettriche - Eurelectric

di Kate Abnett e Nick Carey
·2 minuto per la lettura
Un'auto elettrica viene caricata presso una stazione di ricarica mobile in una strada di Praga

di Kate Abnett e Nick Carey

BRUXELLES/LONDRA (Reuters) - Il piano Ue per aumentare di cinquanta volte il numero delle auto elettriche in circolazione al 2030 per contribuire alla riduzione delle emissioni di gas serra richiederà un investimento di 80 miliardi di euro nelle stazioni di ricarica.

È quanto riferito da Eurelectric, associazione europea dell'industria elettrica.

Bruxelles ha detto di avere bisogno di almeno 30 milioni di auto elettriche in circolazione entro il 2030 per tentare di ridurre le emissioni di almeno il 55% nel decennio rispetto ai livelli del 1990.

Alla fine del 2019 nel blocco circolavano circa 615.000 veicoli elettrici, secondo i dati Associazione dei Costruttori Europei di Automobili (Acea).

Questo tipo di auto viene alimentato grazie a 250.000 colonnine pubbliche per la ricarica di veicoli elettrici, che devono aumentare a 3 milioni entro il 2030 per rispettare gli obiettivi green, secondo un report di Eurelectric -- che rappresenta le associazioni nazionali dell'industria elettrica e le aziende leader del settore -- e Ernst&Young (Ey).

L'espansione delle infrastrutture per la ricarica di veicoli necessiterà di 20 miliardi di euro per le colonnine pubbliche e 60 miliardi di euro per quelle private, secondo il report.

L'associazione ha aggiunto che la distribuzione di questi punti di ricarica è "ben al di sotto del target", ribadendo i timori sollevati dai gruppi del settore auto.

Eurelectric ha detto che entro il 2030 la Ue avrà 10,5 milioni di veicoli elettrici nel parco auto, gestiti da aziende o autorità pubbliche. L'autoparco attuale del blocco vanta ben 63 milioni di veicoli, di cui solamente 420.000 veicoli a energia elettrica.

La crescente popolarità dell'e-commerce grazie alla pandemia di coronavirus ha dato una nuovo impeto alla corsa per lo sviluppo di furgoncini e camion elettrici, in un contesto in cui i modelli disponibili sono ancora relativamente pochi.

Eurelectric ha anche chiesto alla Ue di imporre ai produttori auto dei requisiti obbligatori per la vendita di veicoli a emissioni zero. La Ue ha finora impiegato gli standard per le emissioni di CO2 per promuovere le vendite delle auto elettriche negli ultimi anni e nei prossimi mesi proporrà di inasprire questi standard per accelerare il passaggio al trasporto green.