Ue sostiene proposta inviato Onu di tregua in Libia -2-

Mgi

Roma, 2 ago. (askanews) - "Gli attacchi indiscriminati contro delle zone residenziali densamente popolate possono costituire dei crimini di guerra e coloro che violano il diritto internazionale umanitario dovranno essere portati davanti alla giustizia e ritenuti responsabili", ha proseguito Mogherini, invitando tutti Paesi membri dell'Onu a rispettare l'embargo sulle armi.

Il capo del governo di Unione nazionale (Gna) libico, Fayez al Sarraj, aveva protestato ieri per le "controverità" contenute nella relazione di Salame, nel suo rapporto al Consiglio di sicurezza. Stando a fonti governative libiche al Sarraj ha convocato il responsabile della missione Onu di sostegno in Libia per consegnargli una nota di protesta formale.(Segue)