Ue: Turco (M5S), 'si consolidano posizioni per radicale modifica'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 nov. (Adnkronos) – “Il ministro delle finanze francese, Bruno Le Maire, è solo l’ultimo in ordine di tempo ad affermare che il Patto di stabilità e crescita è obsoleto. Qualche settimana fa, sul Financial Times, il premio Nobel per l’economia Joseph Stiglitz ha scritto un articolo dall’eloquente titolo “l’Europa non dovrebbe tornare alle regole fiscali prepandemiche”. E prima ancora si è alternata una folta schiera di centri studi ed economisti, anche dei Paesi frugali, concordi nell’indicare l’urgenza di un cambio di passo". Lo sottolinea in una nota il senatore Mario Turco, vicepresidente designato del M5S.

"La percezione, che ci auguriamo sempre più nitida in Europa e all’interno dell’attuale Governo italiano – prosegue – è che la pandemia ha generato una domanda di beni pubblici dalla forte connotazione intergenerazionale, come salute, ambiente, welfare, protezione sociale, lavoro. Questi beni presuppongono massicci investimenti, debito pubblico buono, che certo non possono essere frenati anche dalle più residuali suggestioni di ritorno alla trappola culturale dell’austerità. Abbiamo già ampiamente dato. Il Patto di stabilità deve radicalmente cambiare proprio per venire incontro a questa nuova domanda di beni comuni dal forte valore intergenerazionale. Il percorso a Bruxelles è appena cominciato e auspichiamo che il Governo sappia essere all’altezza della sfida”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli