Ue valuta necessità di regole più severe su 'short squeeze'

·1 minuto per la lettura
Due bandiere dell'Unione europea a Bruxelles

LONDRA (Reuters) - L'Unione europea sta valutando le modalità con cui rafforzare le norme sugli strumenti finanziari per evitare il fenomeno dello "short squeeze" che ha coinvolto l'azienda Usa GameStop, sebbene sia improbabile che una mossa simile si verifichi sui mercati europei.

Lo hanno detto alcuni funzionari europei.

"Continueremo a guardare ai fatti e a lavorare a stretto contatto con la Sec (Securities and Exchange Commission) negli Stati Uniti e con l'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (Esma) per comprendere se sia necessario rafforzare le nostre misure e il quadro normativo", ha detto Ugo Bassi, alto funzionario presso la Commissione Ue, al Parlamento europeo.

"Abbiamo delle idee e abbiamo in mente alcune aree che potremmo monitorare e su cui intervenire, se necessario", ha aggiunto.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)