Ue vara lista di test antigenici validi in tutti i Paesi

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Bruxelles, 18 feb. (askanews) - Il Comitato per la sicurezza sanitaria dell'Ue, in cui siedono i rappresentanti dei ministeri della Salute dei Ventisette, ha concordato un elenco comune di test rapidi antigenici per il Covid-19, e una selezione di questi test per i quali gli Stati membri riconosceranno reciprocamente i risultati, per usarli in misure di sanità pubblica. Il Comitato, inoltre, ha deciso un set comune standardizzato di dati da includere nei certificati dei risultati dei test sul Covid-19.

Queste tre liste, concordate dagli Stati membri e come richiesto dalla Raccomandazione del Consiglio del 21 gennaio su un quadro comune per l'uso dei test rapidi antigenici, saranno continuamente riviste e aggiornate, ricorda la Commissione europea in una nota.

"I test rapidi antigenici - spiega nella nota la commissaria Ue per la Salute e la Sicurezza alimentare, Stella Kyriakides - sono fondamentali per rallentare la diffusione del Covid-19 e dovrebbero essere parte della nostra risposta generale alla pandemia. Se per qualsiasi attività, e in particolare per i viaggi, devono essere richiesti o raccomandati dei test negativi, è essenziale i risultati di questi test siano reciprocamente riconosciuti, e riportati in certificati anch'essi riconosciuti in tutta l'Ue. I nostri cittadini hanno bisogno di chiarezza e prevedibilità".

Il Centro comune di ricerca dell'Ue (Jrc) sta attualmente aggiornando il suo database sui dispositivi medico-diagnostici in vitro relativi al Covid-19, con l'obiettivo di integrare tutte le informazioni sui test rapidi antigenici che sono state raccolte e concordate dal Comitato per la sicurezza sanitaria.