##Ue, von der Leyen dovrà avere pure un commissario britannico-2

Loc

Bruxelles, 28 ott. (askanews) - I rappresentanti di Francia, Germania, Irlanda e gli uomini del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, hanno lavorato durante il week-end per delineare con precisione le condizioni di questo terzo rinvio della Brexit: primo, l'Accordo di recesso (quello nella nuova versione, dopo l'ultima proposta di Londra) non verrà rinegoziato; secondo, Londra consentirà agli altri 27 paesi membri di incontrarsi senza il Regno Unito e discutere del futuro dell'Ue già da ora; terzo, il governo britannico dovrà nominare formalmente un candidato commissario, se la nuova Commissione europea si insedierà prima del recesso del Regno Unito.

Ora, è pressoché certo che il Regno Unito non riuscirà a lasciare l'Ue prima dell'insediamento del nuovo Esecutivo comunitario, il primo dicembre. Anche il governo di Londra, dunque, come gli altri 27 Stati membri, dovrà proporre un suo commissario designato a Ursula von der Leyen, perché lo prevede il Trattato Ue, e perché lo chiederà la decisione formale dei Ventisette sulla nuova proroga. (Segue)