Ufficiale il protocollo per la Serie A: le regole per la ripartenza

Il protocollo della FIGC è finalmente ufficiale. La Serie A è pronta a ripartire, seguendo le linee guida stilate dalla Federazione e accettate dal Comitato Tecnico Scientifico. Linee guida che prevedono diversi e variegati aspetti e che potranno essere modificate a seconda delle indicazioni medico-sanitarie, come specificato dalla stessa FIGC. Di seguito, ecco le più importanti.

PERSONE PRESENTI ALLO STADIO

Allo stadio saranno ammesse soltanto 300 persone, divise in tre zone.

"Il modello di organizzazione e svolgimento delle gare in modalità a porte chiuse qui si seguito sviluppato presuppone la suddivisione dello Stadio (impianto sportivo) in 3 zone: Interno Stadio - zona Tecnico/Sportiva; Tribune - Area Media/Tribuna Stampa; Esterno Stadio - TV Compound/Parcheggi.

Il numero massimo di persone ammesse allo Stadio è stabilito in 300 unità per il Campionato di Serie A (proporzionalmente inferiore per le gare di Serie B e Serie C), suddiviso per le diverse attività.

Il numero di persone autorizzate deve essere ridotto alle figure strettamente necessarie per rispettare i parametri di sicurezza e garantire i servizi connessi all’organizzazione. Il Gruppo Squadra della società ospite non deve in ogni caso superare le 60 unità per il Campionato di Serie A (proporzionalmente inferiore per le gare di Serie B e Serie C).

Il numero massimo di persone ammesse potrà subire aggiustamenti solamente per specifiche indicazioni provenienti dalle Autorità di Sicurezza per le specifiche competenze (es. Forze dell’Ordine; presidi Medico-Sanitari; Vigili del Fuoco; steward).

All’interno di ciascuna zona dello Stadio non è consentita la presenza in contemporanea di un numero di persone superiore a 130 unità per il Campionato di Serie A (proporzionalmente inferiore per le gare di Serie B e Serie C)".

ARRIVO ALLO STADIO E CONTROLLO DELLA TEMPERATURA

Consigliato l'utilizzo di più di un autobus per singola squadra. All'arrivo, sarà testata la temperatura corporea di chi non fa parte del gruppo squadra.

"Utilizzo di mezzi di trasporto differenti da parte dei vari target (es. uno o più autobus per ciascuna squadra; macchine singole per gli arbitri; ecc). Arrivo allo Stadio in momenti differenti (es. Arbitri - 1:45h calcio di inizio; Squadra Ospite - 1:40h calcio di inizio; Squadra di casa - 1:30h calcio di inizio) ed in aree separate (laddove possibile).

All’arrivo allo Stadio, il Gruppo Squadra Partita andrà preservato nel proprio tragitto verso gli spogliatoi e dovrà indossare i dispositivi di protezione individuale lungo il tragitto.

Tutte le persone che non appartengono al Gruppo Squadra all’arrivo allo Stadio dovranno:

Effettuare controllo della temperatura (termoscanner a distanza) e saturimetro (da disinfettarsi ogni volta) all’ingresso dello Stadio con personale dedicato (dotato degli opportuni DPI) e adottare procedure di isolamento in due distinti locali in caso di rilevazione di temperatura corporea (> 37,5 °C). Il soggetto individuato con TC > 37,5 °C dovrà fare immediato ritorno al proprio domicilio, ove verrà seguito in ottemperanza alle linee guida del Ministero della Salute.

Produrre autocertificazione che attesti di non aver avuto sintomi Covid-19 (tra i quali, a titolo non esaustivo, temperatura corporea > 37,5 °C, tosse, astenia, dispnea, mialgie, diarrea, anosmia, ageusia) nei precedenti 14 giorni e di non essere stato in contatto diretto, negli ultimi 14 giorni, con persona che abbia manifestato sintomi Covid-19 (tra i quali, a titolo non esaustivo, temperatura corporea > 37,5 °C, tosse, astenia, dispnea, mialgie, diarrea, anosmia, ageusia)".

TRASFERTE

Consigliate le trasferte in pullman piuttosto che con mezzi pubblici.

"In caso di trasferte in pullman (preferibili laddove le distanze lo consentano) andranno evitate soste; è preferibile inoltre distribuire i calciatori e lo staff su due pullman".

ISOLAMENTO HOTEL

Consigliato spostarsi per le scale piuttosto che in ascensore, evitare il contatto con le maniglie e con i pulsanti.

"Nell’hotel sede del ritiro per le gare: Obbligo di DPI (dispositivi di protezione individuale) nelle aree comuni; per tutte le persone che presteranno attività lavorative durante il soggiorno del Gruppo Squadra sarà obbligatoria l’Autocertificazione che attesti di non aver avuto sintomi Covid-19 (tra i quali, a titolo non esaustivo, temperatura corporea > 37,5 °C, tosse, astenia, dispnea, mialgie, diarrea, anosmia, ageusia) nei precedenti 14 giorni e di non essere stato in contatto diretto, negli ultimi 14 giorni, con persona che abbia manifestato sintomi Covid-19 (tra i quali, a titolo non esaustivo, temperatura corporea > 37,5 °C, tosse, astenia, dispnea, mialgie, diarrea, anosmia, ageusia); prevedere un accesso dedicato ed esclusivo; individuare percorsi esclusivi e dedicati (corridoi presidiati);

privilegiare le scale all’ascensore (che in caso di utilizzo deve prevedere di essere usato da una persona per volta dotata di DPI, con dispositivi di protezione per i pulsanti); prevedere camere singole e ubicate nella stessa zona (esclusiva) o piano dell’hotel con una persona di riferimento che ne impedisca l’accesso ad estranei, effettuando il controllo della temperatura; riservare una sala mensa ad uso esclusivo; prevedere un sistema di distribuzione individuale del cibo senza assembramenti e contatti con il personale della cucina e dell’hotel".

SPOGLIATOI

Il protocollo prevede spogliatoi differenziati per titolari e riserve e uso temporale differenziato delle aree. In più, porte aperte, nessun contatto con le maniglie e consigliata la doccia a casa.

"Rendere disponibili tutti i locali presenti nella struttura per consentirne un utilizzo differenziato da parte del Gruppo Squadra (es. titolari e riserve). Differenziare l’uso temporale dei locali da parte del Gruppo Squadra (es. titolari e riserve).

Spogliatoio Arbitri: dopo la sanificazione, l’ingresso sarà consentito solo agli arbitri designati per la gara (vietato l’ingresso a qualunque altro tesserato, tecnico o operatore).

Nessuna ripresa televisiva verrà effettuata all’interno degli spogliatoi igienizzati (quindi no “riprese players’ kit”; no riprese giocatori pre-riscaldamento; no riprese giocatori post-riscaldamento; no stand-up all’interno dello spogliatoio da parte dell’emittente titolare dei relativi diritti).

Le porte, quando e ove possibile, devono rimanere aperte e, ove possibile, si deve evitare il contatto con le maniglie. Le aree comuni (spogliatoio, doccia) devono essere utilizzate solo in piccoli gruppi e con garanzia di distanza minima di 2 m.

È raccomandato l'uso di docce singole (per escludere il vapore acqueo come possibile mezzo di contagio per altre persone) e/o va considerata la possibilità di fare la doccia a casa o in hotel".

INGRESSO IN CAMPO

Ingressi separati, ma schieramento in campo 'confermato' anche se a distanza e senza strette di mano.

"L’ingresso in campo dovrà essere previsto in momenti separati per evitare contemporanea occupazione del tunnel o dei corridoi.

Ingresso in campo delle Squadre e degli Arbitri: Nessun accompagnamento da parte di bambini; nessuna mascotte; nessuna foto di squadra; nessuna cerimonia pre-gara con altre persone; nessuna stretta di mano; apposita modalità di schieramento congiunto delle Squadre che consenta il distanziamento".

PANCHINE

Le riserve non dovranno stare necessariamente in tribuna, ma comunque distanziate.

"Rimodulazione delle panchine, prevedendo la distribuzione alternata dei componenti (mantenere un posto vuoto tra un sedile occupato e l’altro) o disponendo gli occupanti su due file, mantenendo le distanze di sicurezza.

Opzioni per espansione panchina riserve: in tribuna (se c'è accesso diretto al campo) o sedie/panchine aggiuntive per espandere le panchine normali; occupare se necessario parti della tribuna (es. ground box).

Sono ammesse soltanto bottiglie da bere personalizzate (non condivise)".

INTERVISTE E MEDIA

Le conferenze si svolgeranno con domande inviate dai giornalisti ai tecnici via WhatsApp o Skype. Sospesa la Mixed Zone.

"In relazione a tutte le interviste in modalità one to one, i titolari di diritto potranno effettuarle, attraverso il supporto tecnico organizzativo della Società ospitante, in modalità remota. A titolo esemplificativo, domande da studio tramite auricolare sanificato e monouso, o mini speaker audio, al fine di limitare la prossimità tra gli appartenenti al Gruppo Squadra e il resto del personale presente allo Stadio.

Intervista a -30/-10 minuti dal calcio di inizio, eventualmente - in via del tutto eccezionale - anche sul terreno di gioco (laddove possibile). Dovranno ad ogni modo essere rispettate le distanze di sicurezza, utilizzando microfono cd 'boom'.

Conferenza stampa prodotta e distribuita televisivamente/in streaming sul modello Formula 1: raccolta delle domande tramite Whatsapp/Skype e sottoposte all’allenatore da ufficio stampa/delegato/hostess.

La Working Area per la stampa e la Mixed Zone rimangono chiuse.

Ammessi 10 fotografi".

TAMPONI E GESTIONE DEI CASI POSITIVI

La gestione dei casi positivi non cambia rispetto alle indicazioni date per gli allenamenti: isolamento da soggetti esterni per 14 giorni e sospensione temporanea degli allenamenti collettivi fino alla ripetizione dei test molecolari e sierologici.

"Alla data di stesura delle presenti indicazioni, la serie di test a cui sottoporre il Gruppo Squadra alla ripresa delle competizioni non cambia rispetto alla sequenza di test programmati per il periodo di ripresa degli allenamenti collettivi, già previsti all’interno dello specifico protocollo.

Alla data di stesura delle presenti indicazioni, in caso di Covid+ nel Gruppo Squadra le procedure a cui sottoporre sia il singolo positivo, sia il gruppo squadra, alla ripresa delle competizioni non cambiano rispetto a quanto stabilito per il periodo di ripresa degli allenamenti collettivi, già previsti all’interno dello specifico protocollo.

Tuttavia, sulla base dei dati epidemiologici aggiornati e delle nuove acquisizioni scientifiche, in accordo con le Autorità Sanitarie e Governative, la definizione (tipologia dei test) e la periodicità degli accertamenti ai quali sottoporre il Gruppo Squadra all'avvicinarsi della ripresa delle competizioni e durante le stesse potranno subire variazioni rispetto a quanto attualmente in vigore (“Indicazioni per la ripresa degli allenamenti delle squadre di calcio professionistiche e degli arbitri” del 22 maggio). Ciò anche per tenere conto delle opportune indicazioni del CTS in merito alla necessità che l’approvvigionamento dei test molecolari per il Gruppo Squadra e gli altri soggetti eventualmente interessati non debba minimamente impattare sulla disponibilità del reagentario da dedicarsi in maniera assoluta ai bisogni sanitari del Paese".

DISTANZIAMENTO PERSONALE

I giocatori non potranno avvicinarsi all'arbitro: dovranno rispettare la distanza minima interpersonale di un metro e mezzo.

"Per dialogare con gli ufficiali di gara, i calciatori dovranno rigorosamente rispettare la distanza sociale prevista (1,5 m).

Sono da evitare conversazioni in privato, in quanto stimolano la riduzione della distanza in contrasto con i requisiti di distanza minima. Le conversazioni assolutamente indispensabili dovrebbero essere tenute in piccoli gruppi, brevi e con la massima distanza di conversazione, quando possibile.

Le norme sulla distanza minima devono essere seguite tassativamente nelle aree interne ed esterne dello Stadio, evitando di intrattenere conversazioni non necessarie".