Ufficializzata lista candidati, in Commissione Ue 13 donne e 14 uomini

webinfo@adnkronos.com

La presidente eletta della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha approvato la lista dei candidati commissari per il 2019-24, fornitale dal Consiglio, dopo i colloqui riservati tenuti nei giorni scorsi dalla stessa ex ministra della Difesa tedesca con i prossimi membri dell'esecutivo Ue. La lista include 12 donne e 14 uomini; la Commissione von der Leyen, se confermata nella sua composizione, sarà formata quindi da 13 donne (inclusa la presidente) e 14 uomini.  

Si tratta, nell'ordine, di Johannes Hahn (Austria, confermato); Didier Reynders (Belgio); Mariya Gabriel (Bulgaria, confermata); Dubravka Šuica (Croazia); Stella Kyriakides (Cipro); Vera Jourova (Repubblica Ceca, confermata); Margrethe Vestager (Danimarca, confermata); Kadri Simson (Estonia, confermata); Jutta Urpilainen (Finlandia); Sylvie Goulard (Francia); Margaritis Schinas (Grecia). Per l'Ungheria, László Trócsányi; per l'Irlanda Phil Hogan, confermato; per l'Italia Paolo Gentiloni ; per la Lettonia Valdis Dombrovskis, confermato; per il Lussemburgo Nicolas Schmit; per Malta Helena Dalli; per l'Olanda Frans Timmermans, confermato; per la Polonia Janusz Wojciechowski. Per il Portogallo Elisa Ferreira; per la Romania Rovana Plumb; per la Slovacchia Maroš Šefčovic, confermato; per la Slovenia Janez Lenarčič e per la Svezia Ylva Johansson. Per la Spagna c'è Josep Borrell, designato Alto Rappresentante del Consiglio Europeo. 

Ora il Consiglio deve adottare la lista, dopodiché verrà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'Ue. Domani in conferenza stampa Ursula von der Leyen intende annunciare la distribuzione dei portafogli e il modo in cui intende organizzare il lavoro della prossima Commissione Europea. Successivamente, il Parlamento Europeo dovrà dare il proprio consenso all'intero collegio dei commissari, inclusa la presidente e l'Alto Rappresentante; il voto del Parlamento è preceduto dalle audizioni dei commissari designati, che avverranno nelle commissioni parlamentari competenti. Una volta che il Parlamento Europeo ha dato il suo assenso, il Consiglio Europeo nomina formalmente la Commissione, che dovrebbe entrare in carica il primo novembre.