Uila: urgente sbloccare export carni suine verso la Cina

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 apr. (askanews) - "Chiediamo al governo di eliminare gli ostacoli che ancora oggi frenano le esportazioni di carne e salumi italiani in Cina. Favorire il commercio estero, infatti, rappresenta una opportunità di sviluppo che le nostre imprese, che garantiscono l'occupazione di migliaia di lavoratrici e lavoratori, non possono permettersi di perdere". E' l'appello al Governo del segretario nazionale della Uila-Uil Guido Majrone.

"Ad oggi, solo il 30% dei grandi macelli industriali italiani può esportare carne in Cina a causa di autorizzazioni bloccate da due anni e di un protocollo sanitario Italia-Cina siglato ormai tre anni fa - spiega Majrone - ritardi che oggi rappresentano una vera e propria zavorra a fronte di una domanda cinese di carne suina che nel primo trimestre del 2021 è comunque cresciuta di quasi il 20%".

"Auspichiamo che queste limitazioni burocratiche vengano superate al più presto - conclude Majrone - per permettere al settore di cogliere le nuove opportunità commerciali che vengono dalla Cina e dalle quali potranno scaturire ricadute positive sia da un punto di vista economico che occupazionale".