Ultimatum Cgil Lombardia a Regione: subito protezione per medici

Lzp

Milano, 20 mar. (askanews) - Continuano i contagi e i decessi di personale medico in Lombardia. "Accertati al 18 marzo, sono già deceduti otto medici di medicina generale solo in Lombardia - afferma amareggiato Giorgio Barbieri, responsabile regionale Fp Cgil Mmg -. Va osservata anche la frequenza in aumento. Prima un decesso ogni due giorni, poi uno al giorno, poi due al giorno...".

I sindacati sono tornati a scrivere proprio oggi a Regione Lombardia, dopo averlo fatto una prima volta lo scorso 17 marzo. Ma questa volta non è più solo un appello, è un preciso "avvertimento". "Entro tre giorni dal ricevimento della lettera, se non si avranno risposte in merito alla inaudita mancata profilassi e protezione di chi assiste in prima linea i pazienti, anche quelli contagiati dal virus, partiranno una serie di azioni", si legge in una nota.

Barbieri aggiunge che ogni medico delle cure primarie e di continuità assistenziale "dovrà anche essere sottoposto ad esame clinico, strumentale e laboristico settimanale di controllo. Un monitoraggio, già chiesto, indispensabile a proteggere i pazienti, colleghi, familiari e persone accanto. Naturalmente - prosegue - proseguiremo imperterriti a richiedere le mascherine FFP2 e in numero sufficiente a poter svolgere in sicurezza la professione".