Ultraleggero precipita vicino all’Aeroclub di Bergamo: muore 15enne

ultraleggero precipita

Non c’è stato niente da fare per lui. Una ragazza di 15 anni è deceduta verso le 10.15 dopo che l’ultraleggero su cui si trovava si è schiantato al suolo, forse a causa di una manovra di atterraggio. Nell’incidente, avvenuto sulla strada che collega l’Aeroclub di Bergamo all’Asse interurbano, tangenziale tra la città e l’hinterland, sono rimaste ferite altre tre persone. La notizia è stata riportata dal Corriere Bergamo.

Lo schianto dell’aereo

Alla guida del Cessna Mooney c’era Stefano Mecca, vice presidente dell’Aeroclub. Insieme a lui sul velivolo c’erano le due figlie, una di 15 e l’altra di 28 anni, e un’altra persona, di circa 50 anni. Non si sa il legame di quest’ultima con le altre persone a bordo. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’aereo doveva arrivare a Venezia ma, subito dopo il decollo, si è verificato un problema. Così Mecca ha scelto di tornare alla pista dell’Aeroclub di Bergamo. Durante l’atterraggio di emergenza qualcosa è andato storto e il velivolo si è schiantato sulla strada tra l’Aeroclub e l’Asse interurbano, la tangenziale della città lombarda. Sul posto sono arrivate appena possibile quattro autoambulanze e l’elicottero del 118, i vigili del fuoco e la polizia di Stato. Tre di loro sono rimasti feriti e sono stati trasportati in ospedale d’urgenza. Le loro condizioni di salute non sono ancora note. I soccorsi sono stati inutili per la ragazza di 15 anni, che è morta sul colpo. La polizia stradale ha deciso di chiudere la viabilità sulla strada interessata dallo schianto per facilitare lo svolgimento delle indagini, volte a comprendere meglio la dinamica dell’incidente.