Ultraleggero precipitato a Santa Severa prende fuoco: un morto

ultraleggero precipitato a Santa Severa

Un ultraleggero precipitato a Santa Severa nel pomeriggio di venerdì 1 novembre ha preso fuoco e ha provocato la morte di un uomo di 66 anni. Gravemente ferito il pilota del velivolo.

Ultraleggero precipitato a Santa Severa: la dinamica

Continuano a indagare i carabinieri per far luce sull’esatta dinamica dell’incidente avvenuto a Tolfa, sul litorale Nord della provincia di Roma. Le cause dell’incidente sono ancora da accertare, ma stando a quanto emerso da una prima ricostruzione sembrerebbe che il velivolo abbia urtato i cavi dell’elettricità prendendo fuoco.

È Franco Torretta la vittima di 66 anni. Il violento impatto non gli ha lasciato scampo. Il pilota, invece, è stato immediatamente soccorso e ricoverato d’urgenza a causa delle gravi ferite riportate. Un’eliambulanza ha trasportato l’uomo presso l’ospedale Gemelli di Roma. Per prestare soccorso in seguito all’incidente sono prontamente intervenuti i vigili del fuoco, i quali hanno lavorato per spegnere le fiamme che avevano avvolto l’ultraleggero. Con loro, sono arrivati anche i carabinieri della stazione locale. I pompieri, inoltre, hanno recuperato le persone rimaste intrappolate all’interno dell’ultraleggero. La tragedia è avvenuta in un campo nella frazione di Santa Severa Nord. La zona è meglio nota come “Secondo Battaglione”.

I carabinieri proseguono le indagini per comprendere le cause che hanno portato al drammatico incidente. Sequestrato il velivolo per eseguire i dovuti accertamenti. Intanto gli inquirenti hanno effettuato i rilievi del caso. La salma del passeggero è stata trasferita in obitorio ed è stata disposta l’autopsia.