Ultraleggero precipitato in Val d’Ossola: occupanti gravemente feriti

ultraleggero-precipita-ossola

Tragedia sfiorata a Megolo, nella Val d’Ossola, dove nella mattinata del 29 novembre un aereo ultraleggero è precipitato al suolo lungo il fiume Toce comportando gravi ferite per i due occupanti del velivolo. A bordo dell’ultraleggero vi erano infatti il dirigente della questura di Verbania Gilberto Capparella e l’ex sindaco di Domodossola Giovanni Fornaroli, che a seguito dell’incidente sono stati immediatamente trasportati presso l’ospedale di Novara. Secondo i media locali il velivolo avrebbe avuto un malfunzionamento al motore in fase di atterraggio.

Ultraleggero precipita in Val d’Ossola

Stando alle prime ricostruzioni della dinamica dell’incidente, l’ultraleggero modello Firefox sarebbe precipitato mentre stava rientrando da un giro di ricognizione al campovolo di Megolo, frazione di Pieve Vergonte nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola.

Nello schianto, avvenuto lungo l’argine del fiume Toce, Gilberto Caffarella ha riportato gravi ferite alle gambe che ne hanno reso necessario il trasporto in eliambulanza all’ospedale di Novara. L’ex primo cittadino Fornaroli era stato invece ricoverato presso il San Biagio di Domodossola con alcune escoriazioni e una sospetta frattura ad un piede, ma successivamente le sue condizioni sarebbero peggiorate ed è stato trasferito anch’egli nel nosocomio novarese.

Sul posto i Carabinieri

Durante tutte le fasi dell’incidente i due occupanti del velivolo sono rimasti pienamente coscienti. Avvertiti dagli stessi feriti, sul posto sono quindi immediatamente giunti i soccorritori del 118, i Vigili del Fuoco di Domodossola e Verbania e i Carabinieri, che attualmente stanno cercando di ricostruire la dinamica dello schianto dell’ultraleggero, andato completamente distrutto. Sul luogo dell’incidente è giunto anche il sostituto procuratore di Verbania Fabrizio Argentieri.