Uma Thurman costretta ad abortire quando era solo un'adolescente: la rivelazione

·1 minuto per la lettura
Uma Thurman aborto
Uma Thurman aborto

Commentando la continua stretta sull’aborto da parte del Texas, in un’intervista intima e personalissima Uma Thurman confida di aver abortito quando aveva solo 15 anni.

Uma Thurman, il racconto sull’aborto

Un racconto commovente e intimo quello della famosa attrice hollywoodiana, la quale ha rilasciato un’intervista al Washington Post confidando un’esperienza personale che non smette di farla soffrire.

L’attrice di “Kill Bill” e “Pulp Fiction” ricorda la sua adolescenza trascorsa in Europa, sognando di lavorare nel cinema. Era solo una ragazza quando un uomo più grande di lei la mise incinta e lei fu costretta ad abortire.

GUARDA ANCHE - Uma Thurman: "Per Tarantino Kill Bill è storia finita"

Uma Thurman sull’aborto: “È il mio segreto più oscuro”

“Un uomo più grande mi mise incinta. Non sapevo che fare. Volevo tenere il bambino, ma come? Con i miei genitori non avevo mai parlato di sesso prima e fu terribile per tutti e tre”, ha svelato Uma Thurman. Poi ha raccontato: “Mi chiesero dello stato della mia relazione – non poteva funzionare – e mi misero in guardia sulle difficoltà di crescere un bambino da teen-ager e da sola. Le mie fantasie infantili sull’essere mamma crollarono mentre rispondevo alle loro domande molto precise. Come famiglia decidemmo di interrompere la gravidanza“.

Tuttavia, non nasconde che “la decisione mi spezzò il cuore”.

Uma Thurman contro la stretta sull’aborto

La rivelazione della Thurman arriva dopo la stretta del Texas sull’aborto. Lo stato americano, infatti, già lo scorso maggio aveva anticipato di voler vietare l’aborto dopo le 6 settimane se c’è battito cardiaco. Ora la stretta è ufficiale: il divieto di abortire dopo sei settimane è ormai legge.

Il governatore Greg Abbott ha firmato anche una legge che vieta la prescrizione della pillola oltre sette settimane di gravidanza (finora fissato a dieci settimane). Il nuovo provvedimento entrerà in vigore il 2 dicembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli