Umberto Guidoni: io, primo europeo sulla Stazione spaziale

Pdf
·3 minuto per la lettura

Milano, 2 nov. (askanews) - La Stazione spaziale internazionale è "abitata" continuativamente da 20 anni, dal 2 novembre 2000 quando la Soyuz Tm-13 partita da Baikonur, in Kazakhstan il 31 ottobre si agganciò al primo embrione della base orbitante. A bordo i 3 uomini della Expedition 1: l'americano William Shepherd, della Nasa e i 2 russi Sergei Krikalev e Juri Gidzenko di Roscosmos che resteranno nello Spazio per 136 giorni. Il primo europeo arrivò il 21 aprile 2001 ed era un italiano. L'astronauta dell'Esa Umberto Guidoni che così ha ricordato quel momento. "Ho un ricordo molto intenso, ancora indelebile di quel momento in cui ci avvicinavamo alla Stazione spaziale internazionale - ha raccontato ad askanews - intanto perché era il 2001 l'anno di 'Odissea nello Spazio' e noi stavamo davvero nello Spazio e andavamo verso una stazione spaziale, anche se non era quella del film di Kubrick ma era un vero e proprio cantiere. L'emozione più grande è stata quando siamo entrati, anche perché io ero il primo europeo". "Stavamo andando verso un cantiere e stavamo portando una gru (il braccio robotico Canadarm 2, ndr) come in un cantiere terrestre e quella gru è stata essenziale per continuare la costruzione dell'Iss, diventata così grande che il braccio robotico dello Shuttle non bastava più, quindi ce ne voleva una più grande basata sulla Stazione e quella gru è ancora lì e ancora adesso è utilizzata dagli astronauti che fanno le attività extraveicolari". "Io ho fatto due voli nello Spazio, uno con lo Shuttle che non andava da nessuna parte, girava solo intorno alla Terra. Nel secondo andavamo da qualche parte e questo fa una differenza sostanziale, cioé c'è un ambiente, una realtà che vive al di fuori del tuo veicolo, verso cui stai andando. Ora non è come mettere piede sulla Luna ma in qualche modo è 'andare da qualche altra parte' ed è un punto d'arrivo della tua missione. Ora abbiamo un posto dove andare nello Spazio, abbiamo costruito una piccola comunità nello Spazio ed è l'esempio di quello che saranno un giorno le basi sugli altri pianeti. Oggi la Stazione spaziale è un laboratorio orbitante che produce Scienza e Ricerca in microgravità 24 ore su 24. La sua vita è stata estesa almeno fino al 2028, prima che la sua eredità venga raccolta dalla Lunar Gateway prima e dalle basi lunari poi. È stata visitata per 27 volte da astronauti europei, 5 dei quali italiani e uno di essi, Luca Parmitano ne è stato anche il comandante. "Forse l'eredità che lascia è proprio questa, che siamo riusciti a lavorare tutti insieme - ha concluso Guidoni - più di 300 astronauti da 19 Paesi hanno eliminato le differenze, addirittura tra russi e americani". È importante sottolineare che per almeno il 50% la base è Made in Italy. Una condizione esaltata dallo stesso Sergei Krikalev, intervistato nel 2013 da askanews, proprio alla vigilia della prima missione di Parmitano. "Gli italiani hanno fatto molto per la stazione spaziale internazionale - aveva detto - e mi auguro che questa cooperazione continui in futuro. È molto probabile che le industrie italiane saranno nostri partner per le future missioni spaziali internazionali".