##Umbria, Bianconi: voto con testa e non di pancia o... -3-

Vep

Perugia, 24 ott. (askanews) - Quella dei trasporti è poi "una delle sfide per il futuro, dobbiamo dimezzare in termini di tempo i collegamenti ferroviari per Firenze e per Roma e potenziare quelli con Milano". "Perugia è un nodo che dovrà essere prioritario per l'Anas - sottolinea Bianconi - perché quando si apriranno, entro aprile, le direttrici per Civitavecchia e per Ancona il caos sarà assoluto. Intervenire su questo significa ristabilizzare i flussi e muoversi bene vuol dire essere competitivi".

Inoltre "l'Umbria sarà già beneficiaria di importanti risorse europee, nel 2021-2027 in Umbria arriveranno due miliardi di euro, è importante che siano spesi bene: per noi significa una valutazione di impatto sociale su ogni linea di investimento che intenderemo fare". "Il secondo elemento di grande discontinuità è il modello con cui vorremmo gestire questa Regione, una nuova, attuale, legge di democrazia partecipata in cui le persone e i territori saranno al centro, una nomina di assessori per competenze reali fuori da logiche politiche e assessorati conformi a un interesse regionale con una visione a venti anni", rilancia il candidato alla presidenza della Regione. E attacca: "Così si cambia il futuro, con metodo e proposte serie, non con slogan da piazza privi di contenuto".

Ma se verrà eletto quale sarà la prima cosa che farà? "La legge di democrazia partecipata! E ringrazierò gli umbri per aver avuto il coraggio di votare con la testa e non con la pancia perché se gli umbri voteranno con la pancia saranno dolori. Per cinque anni", conclude.