Umbria, Codacons: silenzio elettorale violato su social e web

Red/Nav

Roma, 27 ott. (askanews) - Nonostante la legge imponga in queste ore il silenzio elettorale, partiti e politici di ogni schieramento si sono scatenati su web e social network lanciando messaggi agli elettori, in piena violazione della normativa vigente. Lo afferma il Codacons, che presenterà domani una denuncia ad Agcom e Polizia Postale lanciando inoltre un appello affinché siano oscurati gli account degli esponenti politici e dei partiti che in queste ore hanno fatto campagna elettorale sui social network.

L'art. 9 delle Legge 212 del 1956 stabilisce che "Nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per, le elezioni sono vietati i comizi e le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, nonché la nuova affissione di stampati, giornali murali od altri o manifesti di propaganda o l'applicazione di striscioni, drappi o impianti luminosi".

Norma integrata dal decreto legge 807 del 1984 che allarga il divieto di diffondere propaganda elettorale anche alle emittenti radiotelevisive private, e dai richiami dell'Agcom secondo cui "Sarebbe auspicabile che anche sulle piattaforme in questi due giorni fosse evitata, da parte dei soggetti politici, ogni forma di propaganda, per evitare di influenzare con pressioni indebite l'elettorato ancora indeciso".

"Nonostante ciò soggetti politici di ogni schieramento, dal M5s a Matteo Salvini e Giorgia Meloni, solo per citarne alcuni, hanno pubblicato in queste ore messaggi elettorali sui propri profili Facebook, Twitter e Instagram, violando in modo palese le disposizioni vigenti - denuncia il presidente Carlo Rienzi - Per tale motivo il Codacons ha deciso di presentare domani un esposto all'Agcom e alla Polizia Postale, affinché sia aperta una istruttoria nei confronti dei trasgressori, e chiede di intervenire oscurando gli account di quegli esponenti politici che hanno lanciato messaggi agli elettori in barba ai divieti".