##Umbria, Lega quadruplica seggi e Pd li dimezza. Fdi raddoppia

Vep

(dall'inviata Veronica Passeri)

Perugia, 28 ott. (askanews) - In quattro anni il Pd umbro si è perso per la strada qualcosa come 32 mila voti. Il Movimento cinquestelle 20 mila. Forza Italia circa 8 mila. L'Umbria non sarà l'Ohio ma di certo, dopo il voto di ieri, l'assetto del nuovo Consiglio regionale lancia un messaggio che va ben oltre le mura di Palazzo Cesaroni, la sede dell'assemblea legislativa.

La Lega è andata vicina a triplicare il risultato del 2015: con il 36,95%, pari a 154.413 voti, è di gran lunga il primo partito, seguito dal Pd con il 22,33% pari a 93.296 voti (erano 125.777 all'ultima tornata) e soprattutto al terzo posto si afferma Fratelli d'Italia con il 10,4% pari a 43.443 voti. Solo quarto il Movimento Cinquestelle con il 7,41% pari a 30.953 voti (erano 51.203), seguito da Forza Italia con 5,5%, pari a 22.991 voti. A chiudere la coalizione di centrodestra la lista Tesei Presidente con il 3,93% pari a 16.424 voti.

Tutto questo si traduce in una fotografia molto diversa rispetto al passato - il centrodestra non è mai stato maggioranza dal 1970 - del parlamentino regionale. Il gruppo politico più numeroso è quello della Lega che passa da 2 a 8 consiglieri. Tutto a svantaggio del Pd che vede dimezzati i propri consiglieri, ridotti a 5 dagli 11 del 2015. Fratelli d'Italia raddoppia i consiglieri salendo a due, lista Bianconi per l'Umbria guadagna due seggi (compreso quello del candidato presidente), 1 consigliere a gruppo per Forza Italia, Movimento 5 Stelle, lista 'Tesei presidente'

La prossima Assemblea legislativa sarà più giovane della precedente ma ancora lontana dalla parità di genere: è infatti composta da 13 uomini e 7 donne, oltre alla presidente Tesei. Il consigliere più giovane è Francesca Peppucci (Lega), 26 anni, quello più anziano è Fabio Paparelli (Pd), 57 anni, seguito da Roberto Morroni (Fi), più giovane di pochi mesi. L'età media dei consiglieri è di 44,8 anni, oltre 4 in meno rispetto alla media dei consiglieri della scorsa legislatura.