Umbria verso il rosso e Toscana teme l'arancione: le ipotesi sui nuovi colori

·2 minuto per la lettura
Monitoraggio ISS nuovi colori regioni
Monitoraggio ISS nuovi colori regioni

Secondo i dati dell’ultimo monitoraggio settimanale dell’Iss, pubblicato nel pomeriggio del 12 febbraio, l’indice Rt nazionale è salito da o.84 a 0.95. Un aumento che ha provocato una conseguente modifica nella classificazione delle zone di rischio per le regioni, con annesso cambiamento di colori già a partire da domenica 14 febbraio. Secondo le ultime informazioni raccolte infatti, Toscana, Abruzzo, Liguria e provincia autonoma di Trento passeranno in zona arancione, mentre complessivamente sono 15 le regioni a rimanere nella zona gialla.

Monitoraggio Iss: i colori delle regioni

Nonostante non siano stati presi provvedimenti specifici per la regione, al momento Il 70% del territorio umbro si trova di fatto già in lockdown dopo la diffusione delle varianti inglese e brasiliana che ha causato un aumento della curva, ma questo non è bastato per fermarne la circolazione tanto che le chiusure potrebbero essere estese a tutta la regione. L’indice Rt calcolato sulle ultime due settimane è stato indicato in 1.07 (con un intervallo 0,92-1,22). A preoccupare è anche l’aumento dei ricoveri e delle terapie intensive.

Stessa sorte per la provincia autonoma di Bolzano, anch’essa già in lockdown a prescindere da eventuali cambiamenti del livello di rischio. Unica regione a retrocedere nella zona gialla è invece la Sicilia.

Le regioni in zona arancione

Tra le regioni sono state retrocesse alla zona arancione c’è stata anche la Toscana. In questo territorio si è infatti registrato un aumento dei contagi ma anche dell’indice Rt che il governatore ha stimato essere tra l’1 e l’1,1. Anche qui si temono le varianti dopo i casi di positività identificati a Colle Val d’Elsa, Sansepolcro e Chiusi, quest’ultima zona rossa da una settimana.

Stessa sorte ha subito l’Abruzzo, dove il governatore Marco Marsilio ha già disposto la didattica a distanza per gli istituti superiori della regione e per tutte le scuole di Pescara. Non è messo meglio l’andamento del Molise, seppur ancora in zona gialla, dove 28 comuni sono finiti in zona rossa a causa di un’impennata di contagi e non si esclude che il restante territorio diventi arancione così come la Campania, anch’essa alle prese con un aumento dei casi.